geometra sardegna
geometra Pino Caddeo
Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

visure catastali online

SERVIZI UTILI PER IL CITTADINO
RIVENDITORI FOTOVOLTAICI LAZIO
RIVEDNDITORI PANNELLI SOLARI LAZIO

CONTATTA VISURNET.COM
via Kennedy, 1 - 08016 Borore (NU)
a breve apertura dello studio a Olbia (OT)
per contatti: 0785/387704 - 339/3600206 - email
Esempio di impianto termico solare per il riscaldamento dell' acqua sanitaria, realizzato nel carcere di Rebibbia dalla ditta STAES S.R.L.
SEZIONE: UTILITY - ARGOMENTO: ESEMPIO DI IMPIANTO TERMICO SOLARE PER RISCALDAMENTO DELL' ACQUA
HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Servizi attivi
Catasto online

tutto sui servizi offerti
costi e pagamento dei servizi

CATASTO URBANO

visura per immobile
visura per persona fisica
visura per persona giuridica
visura per indirizzo
planimetria piantina catastale
elaborato planimetrico
elenco fabbricati
visura nazionale per soggetto

CATASTO TERRENI

visura per immobile
visura per persona fisica
visura per persona giuridica
estratto di mappa
visura nazionale per soggetto

Altri servizi

certificato dest. urbanistica

Studio tecnico

tutto sul servizio
progettazione fabbricati
servizi catastali
servizio successioni eredi
perizie immobiliari
frazionamenti catastali
pratiche varie
richiedi preventivo
affidaci l' incarico
esempi di progettazione

Cerchi casa?

tutto sul servizio
vuoi comprare casa?
vuoi vendere casa?
consigli per chi vende
consigli per chi acquista

Appalti pubblici

bandi di gara in evidenza
appalti pubblici in Sardegna
appalti sotto i 150.000 euro
appalti sopra i 150.000 euro
servizi alle imprese
normativa appalti pubblici
categorie lavori pubblici
cos' è l' attestazione soa
perchè l' attestazione soa
chi deve attestarsi
chi rilascia l' attestazione
i costi per attestazione soa

Servizio rendering

tutto sul servizio
rendering interni
rendering esterni
rendering per cartellonistica
referenze e lavori svolti
dove operiamo
vedi i costi

Link obsoleti

a chi è rivolto il servizio
il servizio dalla A alla Z
a che servono le visure
come richiedere le visure
vedi le tue richieste
ulteriori vataggi
i tuoi crediti maturati
cosa sono i crediti
ricerca per immobile
ricerca per persona fisica
ricerca per indirizzo
ricerca per immobile
ricerca per persona fisica
ricerca per persona giuridica
richiedi estratto di mappa
ricerca per persona fisica
ricerca per persona giuridica
certificato dest. urbanistica
piantine catastali
elaborati planimetrici
ricerca nazionale su soggetto
servizi catastali ai comuni
visura catastale per immobile
visura catastale per soggetto
elaborato planimetrico
planimetria catastale
controlla la tua pratica
chi collabora con noi

ARGOMENTI UTILI

ESEMPI DI IMPIANTI TERMICI SOLARI



LAVORI SVOLTI DALLA DITTA STAES S.R.L. DI ROMA vai al sito

torna all' elenco dei rivenditori

UN IMPIANTO DI GRANDE TAGLIA PER IL RISCALDAMENTO DELL'ACQUA CALDA SANITARIA: IL CARCERE DI REBIBBIA

La sede per la realizzazione del primo progetto pilota nell'ambito del programma nazionale di solarizzazione per le carceri è stata individuata nel penitenziario maschile di Rebibbia, a Roma.

Il programma è definito da un protocollo d'intesa tra il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e il Ministero di Giustizia che prevede l'installazione di 5.000 mq di impianti solari termici per la produzione di calore a bassa temperatura in particolare produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento/raffrescamento degli ambienti.

L'impianto solare è installato sul tetto del reparto G11 e soddisfa un'utenza composta da 400 detenuti e 27 docce. Prima dell'avvio del programma di solarizzazione, una parte del vapore prodotto dalla centrale termica del penitenziario (alimentata a gas metano) veniva convogliata, alla pressione di 6 bar, nella sottocentrale del reparto G11 dove, per mezzo di un sistema di serpentine inserite in due bollitori da 1000 lt ciascuno, riscaldava l'acqua sanitaria richiesta dall'utenza.

L'impianto di Rebibbia

L'impianto di Rebibbia, inaugurato il primo Ottobre 2002, è a circolazione forzata e prevede due circuiti idraulici separati. Il trasferimento dell'energia termica dal circuito primario al secondario viene realizzato tramite uno scambiatore di calore a piastre in controcorrente. L'impianto è stato progettato e installato dalla ditta STAES di Roma, che ha vinto la gara d'appalto, in collaborazione con il CIRPS – Università di Roma “ La Sapienza ” e gli stessi detenuti.

I principali dati progettuali in base ai quali è stato dimensionato l'impianto sono:

1. acqua calda sanitaria necessaria: 20.000 kg/giorno;
2. temperatura di acqua fredda di rete: circa 10 °C ;
3. temperatura dell'acqua calda sanitaria: 48 °C ;
4. energia utile: 760.000 kcal/giorno = 3182,1 MJ/giorno;

Il circuito primario

Il campo solare è formato da 96 collettori aventi una superficie lorda di 2,77 m² ( 2,62 m² netti), per un totale di 266 m² lordi e 251 m² netti captanti (fig. 1). Si tratta di collettori solari piani Chromagen CR-120, con piastra captante in tubi di rame e lastra in rame saldata ad ultrasuoni con trattamento selettivo e copertura in vetro temperato semiriflettente.

Il campo si divide in 4 circuiti paralleli comprendente ciascuno 4 schiere (fig. 2); ogni schiera è formata da 2 stringhe collegate in serie e composte, ognuna, da 3 collettori disposti in parallelo. Le schiere, a loro volta, sono collegate in serie a coppie e connesse in tal modo ai circuiti di mandata e ritorno del fluido termovettore.

Ogni schiera consente un salto termico di 10°C , la connessione in serie di 2 schiere permette quindi di raggiungere la differenza di temperatura tra mandata e ritorno di 20°C proposta in fase progettuale.

I collettori solari sono installati con un'inclinazione di 30° rispetto al piano orizzontale e orientati a sud. Per evitare che una schiera di collettori possa ombreggiare la schiera adiacente, le file sono state posizionate con distanza minima sul piano orizzontale pari a circa 2,5 metri , calcolata con rapporto altezza/ombra pari a 2 e con riferimento alla posizione del sole alle ore 9 e alle ore 15 del giorno 21 dicembre.

La distribuzione del fluido termovettore nelle varie schiere è realizzata tramite uno schema a mandata inversa, così da equilibrare, in maniera efficace, il flusso in ogni zona del circuito. Per una regolazione fine è stato previsto un organo particolare, la valvola “jenkins”, disposta sulla tubazione di mandata che giunge dal locale caldaia, consentendo una prima grande regolazione del volume di fluido. All'ingresso di ogni coppia di schiere, inoltre, la presenza di valvole a saracinesca permette di avere una portata praticamente uniforme in ogni zona del circuito.

Per ogni schiera di collettori sono state montate 2 valvole jolly, in modo da permettere la fuoriuscita dell'aria al momento del caricamento.

Per evitare i danni connessi ad un incremento eccessivo e anomalo della pressione, si è installata nel circuito una valvola di sicurezza, con taratura di 6 bar che, in caso di necessità, provvede a scaricare all'esterno il fluido.

La circolazione del fluido è garantita dalla presenza di una pompa a due velocità, modello Salmson SXM, con prestazioni ampiamente sufficienti a garantire la portata (6,2 m³/h) e la prevalenza 4 mH 2 O definite in fase progettuale.

Per consentire la dilatazione termica del fluido termovettore, senza compromettere il circuito idraulico, sono stati installati (a monte della pompa di circolazione) due vasi di espansione a membrana, della capacità di 25 litri cadauno (fig. 4).

Tenendo conto delle temperature minime che si raggiungono a Roma, è stato scelto come fluido termovettore una miscela di acqua e glicole etilenico, nella proporzione del 20% in volume di glicole puro inibito e dell' 80% di acqua. Una miscela così composta permette di evitare la formazione di ghiaccio fino ad una temperatura di –10°C. Il fluido circola in un circuito chiuso alla pressione di circa 1,5 bar nella zona dei collettori, a differenza della porzione posta nella centrale termica, dove la pressione è di circa 3 bar, essendo il dislivello fra locali caldaia e copertura pari a 15 metri .

Per evitare che la percentuale di glicole nel fluido termovettore scenda al di sotto di quella progettata, è stato collocato nella centrale un serbatoio di accumulo con capacità di 25 litri . Si tratta di un vaso di espansione a membrana modificato, in cui è stato eliminato il gas di precompressione ma mantenuta la membrana di separazione, che realizza così due camere, in equilibrio di pressione fra loro: una contenente acqua proveniente dalla rete dell'acquedotto (parte bassa), alla pressione di circa 3 bar; l'altra (parte alta) contenente la miscela di acqua e glicole e collegata al circuito primario.

In caso di fuoriuscita di miscela, a causa di qualche perdita nel circuito primario e che ivi comporta una diminuzione di pressione, la massa d'acqua della camera inferiore “spinge” nel circuito una certa quantità di miscela, finché non si raggiunge nuovamente l'equilibrio.

Una spia di allarme posto sul quadro di controllo entra in funzione nel caso in cui la riserva di fluido si esaurisce.

Il circuito secondario

L'elemento che realizza il trasferimento dell'energia termica dal circuito primario al secondario è lo scambiatore di calore, del tipo a piastre, installato nei locali caldaia (fig. 4).

Il fluido termovettore del circuito primario entra a 60°C ed esce a 40°C , mentre l'acqua calda sanitaria del circuito secondario entra a 15°C ed esce a 55°C .

Lo scambiatore è stato dimensionato ed assemblato ad hoc dalla ditta costruttrice, tenendo conto delle condizioni operative dei circuiti primario e secondario, in base cioè all'energia termica da trasmettere, alle temperature di ingresso e uscita dei fluidi, alle portate, e quindi perdite di carico, in gioco.

L'acqua sanitaria proveniente dall'acquedotto viene convogliata nel sistema di accumulo, costituito da quattro serbatoi da 2,5 m³ (diametro cm 110 e altezza cm 280) cadauno, per un totale di 10 m³ (fig. 3). Il volume d'accumulo è sottodimensionato rispetto a quello inizialmente progettato, l'accesso al locale caldaia non avrebbe permesso, infatti, l'utilizzo dei serbatoi più capienti presenti sul mercato.

I boiler sono di tipo verticale, in acciaio, idonei per acqua potabile, con trattamento interno anticorrosivo (termoflonatura) e rivestiti a un mantello isolante in schiuma poliuretanica.

Ogni serbatoio è corredato da due vasi di espansione, la cui presenza non sarebbe strettamente necessaria, a differenza del primario, in quanto il prelievo di ACS, da parte dell'utenza, costituisce uno sfogo automatico sia per la pressione che per la massa d'acqua. I dispositivi sono stati comunque previsti in modo da mantenere sotto controllo aumenti eccessivi di pressione in assenza di prelievo (equivalenza ad un circuito chiuso), in particolare nel periodo estivo, ove si raggiungono i valori massimi di temperatura. Ogni serbatoio è dotato di una valvola di sicurezza tarata a 6 bar e una valvola di non ritorno garantisce l'unidirezionalità del flusso tra i serbatoi posti in serie.

I serbatoi sono poi interconnessi fra loro a due a due, S1-S2 e S3-S4, in modo da effettuare il riscaldamento dell'ACS in sequenza di due accumuli alla volta. Il sistema di accumulo prevede, inoltre, un circuito di by-pass che consente di isolare un serbatoio (p.es.: per effettuare lavori di manutenzione o sostituzione) senza dover bloccare l'impianto.

Allo scopo di garantire la circolazione della portata d'acqua necessaria allo scambio termico, anche nel secondario è presente una pompa (modello Salmson CXL) che garantisce la portata di progetto (3,2 m³/h).

Il funzionamento dell'impianto

La gestione automatica dell'impianto (fig. 4) è affidata ad una centralina elettronica CS collegata a sensori di temperatura e pressione disposti in punti particolari di entrambi i circuiti.

Quando la differenza di temperatura tra il fluido termovettore in uscita dal campo di collettori solari (sonda SC) e l'acqua contenuta nella parte bassa del serbatoio S1 (sonda SB1) è maggiore di 5°C , la centralina comanda l'accensione delle pompe P1 e P2 dei circuiti primario e secondario, permettendo il trasferimento di calore dal fluido termovettore all'acqua calda sanitaria attraverso lo scambiatore a piastre.

L'ACS, riscaldata nello scambiatore a piastre in controcorrente, alimenta i quattro serbatoi disposti in serie; quando la temperatura nel serbatoio S1 è superiore a 45°C la centralina CS apre le valvole VD1 e VD2 consentendo il flusso dell'acqua calda nei serbatoi S3 ed S4 a condizione che la differenza di temperatura tra il fluido termovettore in uscita dal campo di collettori solari (sonda SC) e l'acqua contenuta nella parte bassa del serbatoio S3 (sonda SB2) sia pari almeno a 5°C .

L'impianto solare può alimentare direttamente l'acqua delle docce oppure funzionare come preriscaldamento dell'impianto a vapore preesistente. Quando la temperatura nel serbatoio S1 è maggiore di 45°C , la centralina comanda la valvola motorizzata deviatrice VD3 escludendo il funzionamento dell'impianto a vapore; se, invece, la temperatura nel serbatoio S1 è inferiore a 45°C l'impianto solare funziona preriscaldando l'acqua in ingresso all'impianto integrativo. A valle del punto d'integrazione è presenta una valvola miscelatrice che assicura all'utenza la stabilità della temperatura di erogazione voluta.

Il sistema di monitoraggio

Per ciò che concerne il monitoraggio del sistema, sono stati previsti ed installati tre contabilizzatori di energia termica con lancia-impulsi.

Il primo contabilizzatore misura l'energia totale immessa nella rete idraulica delle docce dopo l'integrazione da caldaia; la seconda apparecchiatura, misura l'energia immessa nella rete idraulica dall'impianto solare. Il terzo contabilizzatore, montato sul circuito primario solare, misura l'energia captata dall'impianto solare e trasmessa al fluido termovettore, al lordo delle dispersioni dello scambiatore di calore e dei serbatoi di accumulo.

Le informazioni così ottenute dai contabilizzatori vengono fornite a integratori elettronici di energia che le elaborano e le visualizzano su display; è così possibile avere informazioni precise, in un dato istante e per ciascun circuito , sui MWh termici prodotti, sul volume di fluido trattato e sui valori della temperatura nei punti monitorati tramite i contabilizzatori .

In particolare, per il circuito primario vengono monitorate le temperature di ingresso del fluido allo scambiatore e di ritorno dello stesso ai collettori in copertura; per il secondario la temperatura dell'acqua nei serbatoi in corrispondenza alla mandata verso l'utenza e quella dell'acqua di rete, mentre per l'impianto tradizionale i valori corrispondenti alla mandata alle docce e all'ingresso nei serbatoi integrativi dell'acqua proveniente dall'impianto solare in modalità preriscaldamento. Tramite i suddetti valori di temperatura ed il volume di fluido misurato in un certo intervallo di tempo, si calcola l'energia termica prodotta.

In fig. 5 sono indicati alcuni dei valori monitorati nell'anno intercorrente tra Aprile 2004 e Marzo 2005. L'impianto in questo periodo ha prodotto 145 MWh termici equivalenti fornendo alle docce 4,15 milioni di litri di acqua calda a 40°C , nonostante ci siano stati periodi di interruzione della fornitura a causa di una mancata o non corretta manutenzione.

Conclusioni

Il costo complessivo dell'impianto (comprensivo della formazione dei detenuti) è stato di circa 118.800 euro. Se consideriamo che, in condizioni di funzionamento normale, l'impianto produce 221.263 kWh/anno e che il costo del metano per questo tipo di utenza è di circa 0,068 €/kWh, il risparmio annuo in termini economici è di poco più di 15.000 euro. Questi valori comportano un tempo di ritorno economico dell'investimento (nell'ipotesi in cui tale investimento non venga attualizzato) pari a meno di 8 anni.

I benefici ambientali dovuti alla minore emissione di CO 2 si calcolano considerando che le emissioni medie per il metano di 0.21 kg di CO 2 per kWh, le emissioni evitate ogni anno ammontano a più di 46 tonnellate di CO 2 equivalente.

I vantaggi dal punto di vista economico e ambientale sono evidenti, ma il punto di forza di questo progetto è il valore sociale. Alcuni detenuti, infatti, hanno seguito un corso di formazione e hanno partecipato all'installazione dell'impianto, acquisendo in questo modo una nuova professionalità spendibile al momento della fine della detenzione.

Per le informazioni e le immagini fornite riguardo all'impianto qui descritto ed al suo funzionamento, si ringrazia l'ingegner Carlo Arganini della STAES SRL.

ARGOMENTI UTILI

ESEMPI DI IMPIANTI TERMICI SOLARI

Ultimo aggiornamento: Sabato Gennaio 5, 2008 12:40



Forum online
Entra nel nostro nuovo forum se vuoi postare una domanda o partecipare alle discussioni





Annunci immobiliari

pinoSvolgendo l' attività di geometra in Sardegna mi capita di conoscere persone e privati che vogliono vendere o comprare un immobile. Nasce dunque la nuova sezione dedicata agli annunci immobiliari (dei privati) dedicata esclusivamente ad annunci della Sardegna.
per saperne di più

Annunci in vetrina

villa in vendita a campanedda (ss)
villa in vendita a Posada (nu)
villa in vendita a palmadula (ss)
case in vendita a valledoria (ss)
terreno in vendita a palmadula (ss)
vendesi lottizzazione con progetto (or)

house in Sardinia

risparmio energetico, pannelli solari, impianti fotovoltaici

Risparmio energetico, energie alternative, pannelli solari, impianti fotovoltaici....tutte parole che sentiremo sempre più spesso! Impariamo ad utilizzare meglio le nuove energie risparmiando!

presentazione
risparmio energetico
fonti rinnovabili
pannelli solari
pannelli fotovoltaici
sistemi di isolamento termico
conto energia (2011/2016)
video sul conto energia (2011/2016)
normativa
ditte produttrici
rivenditori
installatori
certificazione energetica edifici
detrazione 65% (aggiornata 2012)
news energie pulite
guadagna affittando il tuo tetto

Il mutuo bancario

 

sezione mutui bancari

Il mutuo....parola molto comune di questi tempi! Cerchiamo di capire meglio come confrontare e scegliere un mutuo.

ARGOMENTI UTILI

L' EREDITA'

la successione ereditaria
presentazione tardiva successione

EDILIZIA - AGEVOLAZIONI

detrazione 36%
notizie in pillole
imposta sulla casa (ici)
imposta municipale unica (imu)
per chi compra casa
acquisto prima casa
mutuo agevolazioni prima casa
piano casa

FISCO E IMMOBBILI

rivalutazione rendita catastale

TUTTO PER LA CASA

materiali edili (ditte)
materiali edili (rivenditori)
imprese edili italiane
inserisci la tua azienda
annunci immobiliari
annunci immobiliari in Italia
guida all' acquisto della casa

NOTIZIE UTILI

informazioni sulla casa

LE DITTE CONSIGLIANO

materiali e tecniche costruttive

ANCORA SULLA CASA

presentazione
condono edilizio
dia e super dia
normativa antisismica
distanze delle costruzioni
testo unico espropri

ARGOMENTI VARI

il condominio
la guida sulla casa

LINKS UTILI

vedi categorie

ENTI ONLINE

comuni online

ALTRE UTILITA'

EDILIZIA - NORMATIVA

legge salvacoste in Sardegna
circolare esplicativa
piano paesaggistico Sardegna
tassa Soru
calcolo superficie catastale

SCAMBIO BANNER

guarda chi partecipa
i nostri banner
invia il tuo banner
la nostra visibilità
partners

geometra agronomo olbia

pratiche catastali in genere

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2023 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/387704 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet