0785/387704 - 339/3600206 info@visurnet.com

SUCCESSIONE E MODELLO TELEMATICO: IL QUADRO EA

a cura “di Pino Caddeo (geometra libero professionista si occupa di pratiche di successione ereditaria e volture catastali in tutta Italia) Per maggiori info vedi: servizio successioni eredi.

Ultimo aggiornamento: Domenica Ottobre 24, 2021 16:45

Nella pagina precedente, abbiamo visto il quadro “dati generali”, del modello telematico, che permette di inserire appunto le prime informazioni. In questa pagina, invece, vediamo di parlare di uno dei quadri che compone il modello telematico. In particolare parleremo del quadro EA. Il quadro EA è dedicato all’ inserimento dei dati relativi agli aredi, chiamati all’ eredità, legatari ecc. Quindi va a sostituire il vecchio quadro A del modello 4. Vi ricordo sempre che il nuovo modello di successione telematica, sarà obbligatorio a partire dal 2018. Attualmente possiamo scegliere se inviare telematicamente la successione, oppure se continuare ad utilizzare il vecchio sistema. Io per il momento consiglio di utilizzare il vecchio modello cartaceo, in attesa di nuovi sviluppi e aggiornamenti che sicuramente nel corso del 2017 ci saranno.

Fatta questa breve premessa andiamo ad analizzare, dunque il quadro EA, anche perchè, ci dovremo comunque abituare al suo utilizzo. Quindi direi di iniziare a prendere confidenza col nuovo modello telematico.

Il quadro EA del modello telematico per successione

Come anticipato sopra il quadro EA è dedicato all’ inserimento dei dati relativamente agli eredi, chiamati all’ eredità, legatari ecc. Dando un primo sguardo al modello telematico e in particolare al quadro EA, ci rendiamo conto che è notevolmente diverso dal suo antenato quadro A del modello 4.

Nel complesso il modello telematico di successione è molto più articolato rispetto al vecchio modello 4 e naturalmente non fa eccezione anche il quadro EA. Cercheremo comunque di venirne a capo.

Esempio quadro EA

Sotto vedete un esempio di modello telematico di successione. In particolare viene rappresentato il quadro EA già compilato. Il quadro EA, come ho anticipato sopra è dedicato all’ inserimento dei dati degli eredi.

Come vedete per ogni pagina si possono inserire sino a tre soggetti. Naturalmente quello che vedete sotto è il file che viene creato dal software successionionline, che l’ agenzia delle entrate mette a disposizione sul suo portale.

I dati dunque, andranno inseriti attraverso il software “successionionline”. Sotto trovate una video guida che vi fa vedere un esempio di compilazione. La video guida vi farà vedere un esempio completo di successione.

Quadro EA modello telematico

Il quadro EA ( EA1, EA2 e EA3)

Sopra abbiamo visto l’ immagine che rappresenta il quadro EA. Il file viene creato da un software, per cui di seguito, le immagini faranno riferimento direttamente al software.

Nel nostro esempio abbiamo ipotizzato che ci siano due eredi. Le sezioni da compilare, saranno dunque in numero di due. In particolare compileremo le sezioni EA1 e EA2.

I primi campi che il software successionionline ci propone sono i seguenti: 1) Codice fiscale dell’ erede, 2) Tipo soggetto, 3) Rinuncia, 4) Grado di parentela e 5) Persona con disabilità.

Vediamo l’ immagine del software “successionionline”. Naturalmente per ragioni di spazio, ne vediamo solo una parte.

Quadro EA modello telematico codice fiscale

1 – codice fiscale

Il primo dato da inserire sarà il codice fiscale dell’ erede.

2 – Tipo soggetto

Secondo dato da inserire nel software “successionionline” è il tipo di soggetto. In pratica dovremo dare informazioni sulla tipologia del soggetto che va a ereditare.

Il software ci fa scegliere tra diverse tipologie di soggetto. Potremo scegliere tra erede, chiamato all’ eredità, legatario, coniuge/parte dell’ unione civile rinunciatario, Trust, altro. Tramite un menù a tendina, dovremo scegliere, dunque la tipologia del soggetto.

3 – Rinuncia

Se il chiamato all’ eredità intende rinunciarvi, bisognerà inserire il segno di spunta in questo campo. Il software non permette di rinunciare a colui che presenta la successione, ossia il dichiarante.

4 – Grado di parentela

Il campo n° 4 serve per segnalare il grado di parentela che intercorre tra il de cuius e i soggetti inseriti in successione. Rispetto al vecchio modello cartaceo vi sono più voci tra cui scegliere.

5 – persona con disabilità

Se il soggetto ha una disabilità va spuntata questa casellina. La disabilità deve essere certificata e deve essere grave per poter godere delle agevolazioni.

Fin qui abbiamo visto la prima parte dei dati da inserire nel quadro EA. Continuiamo con la seconda parte, che prevede l’ inserimento dei dati anagrafici.

Modello Telematico quadro EA parte 2

Non ci dilunghiamo molto sui dati anagrafici, perchè credo sia abbastanza semplice inserire i dati e quindi non approfondiremo questa parte. Piuttosto credo sia più interessante la parte dedicata a eventuali eredi, da inserire in successione, residenti all’ estero.

Eredi residenti all’ estero

Il quadro EA, prevede una sezione dedicata agli eredi residenti all’ estero. Sotto vediamo un esempio già compilato.

In questo caso i campi da riempire sono i seguenti: Codice stato estero, Stato estero di residenza, Stato federato/provincia/contea, Località di residenza estera e indirizzo estero.

Quindi se nella nostra successione abbiamo dei chiamati all’ eredità, eredi, legatari ecc. che risiedono all’ estero, dovremo compilare questi campi.

Nel primo campo andremo a inserire il codice univoco dello stato estero. Supponiamo che l’ erede interessato viva a san Francisco, negli stati uniti. Potremo scrivere nel seguente modo:

Stato estero di residenza: Stati uniti d’ America/USA

Stato federato/provincia/contea: California

Località di residenza estera: San Francisco

Indirizzo estero: Stret Wiew 67 – 09879

Quindi abbiamo la possibilità di scrivere e identificare esattamente il luogo estero in cui vive il chiamato all’ eredità.

Modello Telematico quadro EA parte 3

Successione per rappresentazione

A volte può succedere che il chiamato all’ eredità subentri per rappresentazione. La rappresentazione è quell’ istituto, che fa subentrare un discendente al posto del suo ascendente.

Normalmente questo accade, quando il primo chiamato all’ eredità, non voglia (rinunciatario) o non possa (premorto) accettare l’ eredità. In questo caso, per rappresentazione viene chiamato ad accettare l’ eredità il discendente.

I dati da inserire sono: Codice fiscale del rappresentato e grado di parentela. Il rappresentato è il chiamato all’ eredità premorto o rinunciatario. Poi andremo a selezionare nel menù a tendina il grado di parentela.

Possiamo scegliere tra: Figlio/a, Fratello/sorella germani, Fratello/sorella unilaterali. Quindi a seconda del nostro caso andremo a selezionare la voce corretta.

Modello Telematico quadro EA parte 4

Per ultimo avremo la parte dedicata ai trust. Non affronto questo problema, in quanto qui in Italia è un istituto poco utilizzato.

Conclusioni su quadro EA

Praticamente abbiamo visto i dati da inserire nel quadro EA. Ricapitolando possiamo dire, che in questo quadro vanno inseriti i dati dei chiamati all’ eredità, degli eredi, legatari ecc.

Ho notato, durante l’ utilizzo del software ministeriale “successionionline” che il primo soggetto (sezione EA1) viene inserito in automatico dal software, che prende i dati dal precedente quadro, già analizzato “dati generali”.

Vi è una particolarità per questo soggetto. Praticamente il software “successionionline”, non permette di selezionare l’ opzione di rinuncia all’ eredità, che invece è permessa per tutti gli altri, a partire dalla sezione EA2.

Cosa significa questo? Che il dichiarante, in quanto tale, sta accettando l’ eredità? Da verificare.

Sotto trovate anche una video guida che vi fa vedere come inserire i dati, utilizzando il software “successionionline”. Se la pagina è stata di vostro gradimento e interesse, non sarebbe cosa mal fatta se faceste clik sul pulsante G+1 che trovate sotto :-) …grazie mille!

Devi compilare una dichiarazione di successione? Scopri il mio nuovo servizio online “successione express 2019”. Ricevi direttamente sul tuo computer, tutta la modulistica pronta da consegnare all’ agenzia delle entrate e al catasto. Il servizio è offerto dal geometra Pino Caddeo. Attivo in tutta Italia! Fai clik qui sopra per conoscere i dettagli!!