0785/387704 - 339/3600206 info@visurnet.com

Immobili soggetti al’ I.C.I.

BY GEOMETRA PINO CADDEO

I.C.I. l’ Imposta comunale sugli immobili

Immobili soggetti al’ I.C.I.

Fabbricati

Unità immobiliare iscritta o che deve essere iscritta nel catasto edilizio urbano, comprendendovi l’area occupata dalla costruzione e le eventuali pertinenze.Tra i fabbricati vanno compresi anche quelli strumentali o prodotti nell’esercizio dell’attività d’impresa e destinati alla vendita o allo scambio.

Aree fabbricabili

area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle effettive possibilità di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell’indennità di espropriazione per pubblica utilità.

Non sono considerati fabbricabili i terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli che esplicano la loro attività a titolo principale, sui quali persiste l’utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all’allevamento di animali.

Sul punto i comuni hanno la possibilità di stabilire ulteriori condizioni ai fini del riconoscimento della qualifica di terreni non fabbricabili anche con riferimento alla quantità e qualità del lavoro effettivamente dedicato all’attività agricola da parte di coltivatori diretti o imprenditori agricoli (art. 59, comma 1, lettera a dlgs 446/97). Inoltre, in tema di valore delle aree fabbricabili viene lasciata alla potestà regolamentare dei comuni di determinare periodicamente i valori venali in comune commercio di tali aree (art. 59, comma 1, lettera g dlgs 446/97).

Terreni agricoli

il terreno adibito all’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all’allevamento di animali, come previsto dall’art. 2135 del codice civile.
Sono esclusi dal campo di applicazione dell’Ici i terreni, diversi dalle aree fabbricabili, nei quali non vengono esercitate le attività agricole di cui al citato articolo del codice civile (i cosiddetti “terreni incolti”).