geometra sardegna
Differenza tra imposta di Successione e imposte in autoliquidazione: vediamo cos' è l' imposta di successione, l' imposta ipotecaria e catastale...
Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

energie rinnovabili
servizi online successione
A seconda della tipologia di eredi, o a seconda dell' attivo ereditario una dichiarazione di successione può essere soggetta sia alle imposte ipotecaria e catastale e sia anche alla vera imposta di successione che colpisce direttamente il patrimonio. L' imposta di successione può variare a seconda della tipologia degli eredi, della cifra ereditata ecc. Vediamo in questa pagina alcuni esempi.

SUCCESSIONE EXPRESS!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale
scopri il servizio!

SUCCESSIONE IN TEMPO REALE!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale in tempo reale
scopri il nuovo servizio per il 2018!

LE IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE: DIFFERENZE CON L' IMPOSTA DI SUCCESSIONE

HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Link interessanti

il catasto?..roba da geometri
guadagna affittando il tetto
notizie interessanti
grazie di cuore!!
ti servono le visure catastali?
fabbricati mai dichiarati
sanzioni per le case fantasma (new)
diario di bordo

Servizi attivi
Servizi successione

compilazione modulistica
compilazione voltura catasto
richiedi le visure catastali

affidamento incarico successione

Guida eredità

presentazione
disciplina delle successioni
accettazione eredità parte 1
accettazione eredità parte 2
la rappresentazione e accrescimento
banca e assicurazione
cosa fare per ereditare un veicolo
imposte e agevolazioni
imposta di successione e franchigia
imposte ipotecaria e catastale
modulistica per successione
agevolazione prima casa
debiti e passività del de cuius
uffici competenti
allegati alla successione
tipi di dichiarazione
moltiplicatori catastali
codici uffici agenzia entrate
codici tributi per successione

i diritti dei figli
i diritti degli ascendenti
i diritti dei fratelli
i diritti del coniuge parte 1
i diritti del coniuge parte 2

quote eredità spettanti per legge

L' attivo ereditario

Il testamento

il testamento
cos' è il testamento
testamento olografo
testamento pubblico
testamento segreto
se muore il testatore
cosa si può disporre
chi può fare testamento
chi può ricevere col testamento
riserva a favore del coniuge
riserva a favore dei figli
cos' è il legato
successione: obbligo del notaio?

Esempi pratici

Come compilare la modulistica per successione. Esempio pratico: dal modello 4 al modello f24

1) prima di iniziare

prima di iniziare

2) calcolare l' asse ereditario

come calcolare l' asse ereditario

3) modello 4 (esempio)

compilare il modello 4
compilare il frontespizio modello 4
compilare albero genealogico
compilare quadro A (eredi)
compilare quadro B (attivo)
compilare quadro B2 (titoli, azioni)
compilare quadro B3 (aziende)
compilare quadro B4 (altri beni)
compilare quadro B5 (beni venduti)
compilare quadro C (donazioni)
compilare quadro D (passività)
parte riservata all' ufficio

4) calcolo delle imposte

calcolo delle imposte successione
compilare modello f24 successione
compilare modello f23 successione
prospetto liquidazione

5) allegati al modello 4

cosa allegare al modello 4
dichiarazione sost. cert. morte
stato di famiglia de cuius
stato di famiglia eredi
visure catastali
dichiarazione sostitutiva atto notorio
modello f23
prospetto di liquidazione
richiesta agevolazione prima casa
certificato destinazione urbanistica
copia testamento pubblicato


presentare la successione

Voltura catastale

dopo aver registrato la dichiarazione di successione è necessario aggiornare la ditta in catasto. vediamo con degli esempi pratici come si fà

esempio 1: voltura cartacea

presentare la voltura catastale
voltura catasto terreni parte 1
voltura catasto terreni parte 2
voltura catasto terreni parte 3


esempio 2: software voltura

installare il software voltura 1.0
installare il software voltura 1.1

voltura 1.1 parte 1
voltura 1.1 parte 2
voltura 1.1 parte 3
voltura 1.1 parte 4

Successione tardiva

presentazione tardiva successione

MINI GUIDE

Esiste una mini guida per ogni dichiarazione di successione. Come compilare la dichiarazione di successione attraverso gli esempi.

Presentazione

Fisconline

Come registrarsi a fisconline

 

DIFFERENZA TRA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE E IMPOSTA DI SUCCESSIONE

a cura "di Pino Caddeo (geometra libero professionista si occupa di pratiche di successione ereditaria e volture catastali in tutta Italia) Per maggiori info vedi: servizio successioni eredi.

successione express 2018

Pratiche successione e voltura catastale pronte in due giorni! Richiedi il servizio che ti fa risparmiare soldi e tempo!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMESSA

geometra pino caddeoPossiamo distinguere, in caso di successione una imposizione diretta (imposta di successione vera e propria) e imposte indirette (imposta ipotecaria e catastale). Molto spesso alcuni confondono la cosiddetta imposta di successione, con le imposte in autoliquidazione (imposta ipotecaria e catastale). Possiamo dire che le imposte in autoliquidazione sono quelle imposte che quando si apre una successione si pagano sempre o quasi e sono quelle che generalmente gli eredi versano attraverso il famoso modello F23 prima della presentazione della dichiarazione stessa. L' imposta di successione invece viene calcolata direttamente dall' agenzia delle entrate e viene comunicata agli eredi in un secondo momento, dopo aver presentato la dichiarazione di successione.

Una differenza sostanziale è che le imposte in autoliquidazione, ossia ipotecaria e catastale si calcolano solamente sugli immobili che cadono in successione, sia terreni che fabbricati, quindi escludono le liquidità del de cuius, mentre al contrario l' imposta di successione si calcola su tutto ciò che gli eredi vanno effettivamente ad ereditare, quindi comprese anche liquidità, mobilia ecc. Quindi dobbiamo fare attenzione a non confonderci tra le varie imposte.Esamineremo di seguito le tipolgie di imposta appena esaminate.

OGGETTO DELLE IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Imposta ipotecaria

L' imposta ipotecaria è un tributo indiretto che ha rilevanza in occasione delle formalità presso i registri immobiliari (conservatoria), ed è disciplinata dal decreto legislativo n° 347 del 31/10/1990. L' imposta ipotecaria viene pagata in occasione di formalità di trascrizione, iscrizioni, rinnovazioni, cancellazioni e annotazioni che vengono eseguite nei pubblici registri immobiliari. Queste formalità vengono operate a seguito di cessioni immobiliari, successioni, donazioni e anche quando vengono costituite delle ipoteche o diritti reali di godimento. Essendo che questa sezione è dedicata alla dichiarazione di successione mi soffermerò di più su tale argomento.

A quanto ammonta attualmente l' imposta ipotecaria da pagare in caso di dichiarazione di successione?

In caso di dichiarazione di successione l' imposta ipotecaria si paga nella percentuale del 2% sul valore degli immobili dichiarati in successione. Per quanto riguarda il calcolo dell' imposta ipotecaria, cosi come per la catastale non si devono considerare eventuali passività (a differenza invece della vera imposta di successione), per cui tali imposte si abbattono su tutto il valore immobiliare dichiarato in successione.

Come è variata nel tempo l' imposta ipotecaria

Nel tempo l' imposta ipotecaria ha subito delle variazioni sia per quanto riguarda le percentuali e sia per quanto riguarda i cosiddetti minimi d' imposta che generalmente si pagano o quando non si raggiungono appunto i minimi d' imposta stabiliti per legge, o quando si usufruisce dell' agevolazione prima casa o in ogni altro caso dove è previsto il pagamento dei minimi d' imposta.

Vediamo di seguito come è variata l' imposta ipotecaria negli anni. Naturalmente i valori vengono riportati tutti in euro

- dal 01/01/1973 al 17/03/1976 percentule 0,8% minimo euro 1,03

- dal 18/03/1976 al 27/05/1978 percentule 0,8% minimo euro 2,58

- dal 28/05/1978 al 31/12/1982 percentule 1,6% minimo euro 10,33

- dal 01/01/1983 al 01/10/1989 percentule 1,6% minimo euro 25,82

- dal 02/10/1989 al 21/05/1993 percentule 1,6% minimo euro 51,65

- dal 22/05/1993 al 31/12/1995 percentule 1,6% minimo euro 77,47

- dal 01/01/1996 al 19/06/1996 percentule 2,0% minimo euro 77,47

- dal 20/06/1996 al 31/01/2005 percentule 2,0% minimo euro 129,11

- dal 01/02/2005 al 31/12/2013 percentule 2,0% minimo euro 168,00

- dal 01/01/2014 a tutt' oggi percentule 2,0% minimo euro 200,00

Quindi attualmente l' imposta ipotecaria equivale ad una percentuale del 2% con un minimo d' imposta di 200 euro. Preciso che per le successioni apertesi sino al 31/12/2013 i minimi d' imposta da pagare sono da riferirsi al periodo di apertura della successione, ossia le imposte si pagano in base a quanto si pagava alla data della morte anche se ad esempio la presentiamo oggi. Sembra non si possa fare questo ragionamento per quanto riguarda quelle successioni apertesi nel periodo in cui fu abolita l' imposta di successione ossia tra il 25/10/2001 e il 03/10/2006. A tal proposito vi invito ad approfondire il discorso informandovi anche presso l' agenzia delle entrate.

E' importante conoscere i valori dell' imposta ipotecaria riferiti anche ad altri periodi in quanto è sempre possibile dover presentare anche all' attualità una dichiarazione di successione apertasi ad esempio trent' anni fa e dobbiamo sapere che il calcolo dell' imposta va fatto tenendo in considerazione i valori d' imposta dell' epoca, per cui ad esempio per una successione apertasi nel 1980 dovremmo fare i calcoli sul valore immobiliare con una percentuale dell' 1,60% con un minimo d' imposta di euro 10,33.

successione express 2018

Pratiche successione e voltura catastale pronte in due giorni! Richiedi il servizio che ti fa risparmiare soldi e tempo!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Imposta catastale

L' imposta catastale è dovuta sulle volture catastali a seguito della modifica della ditta catastale che generalmente avviene dopo aver presentato una dichiarazione di successione. Cosi come per l' imposta ipotecaria, anche per la catastale non si tiene conto di eventuali passività del de cuius. Tale imposta infatti colpisce tutto il valore immobiliare dichiarato in successione.

A quanto ammonta attualmente l' imposta catastale da pagare in caso di dichiarazione di successione?

In caso di dichiarazione di successione l' imposta catastale si paga nella percentuale del 1% sul valore degli immobili dichiarati in successione. Per quanto riguarda il calcolo dell' imposta catastale, cosi come per l' ipotecaria non si devono considerare eventuali passività (a differenza invece della vera imposta di successione), per cui tali imposte si abbattono su tutto il valore dichiarato in successione.

Come è variata nel tempo l' imposta catastale

Nel tempo anche l' imposta catastale ha subito delle variazioni sia per quanto riguarda le percentuali e sia per quanto riguarda i cosiddetti minimi d' imposta che generalmente si pagano o quando non si raggiungono appunto i minimi d' imposta stabiliti per legge, o quando si usufruisce dell' agevolazione prima casa o in ogni altro caso dove è previsto il pagamento dei minimi d' imposta.

Vediamo di seguito come è variata l' imposta catastale negli anni. Naturalmente i valori vengono riportati tutti in euro

- dal 01/01/1973 al 17/03/1976 percentule 0,2% nessun minimo

- dal 18/03/1976 al 27/05/1978 percentule 0,2% minimo euro 2,58

- dal 28/05/1978 al 31/12/1982 percentule 0,4% minimo euro 10,33

- dal 01/01/1983 al 01/10/1989 percentule 0,4% minimo euro 25,82

- dal 02/10/1989 al 21/05/1993 percentule 0,4% minimo euro 51,65

- dal 22/05/1993 al 31/12/1995 percentule 0,4% minimo euro 77,47

- dal 01/01/1996 al 19/06/1996 percentule 1,0% minimo euro 77,47

- dal 20/06/1996 al 31/01/2005 percentule 1,0% minimo euro 129,11

- dal 01/02/2005 al 31/12/2013 percentule 1,0% minimo euro 168,00

- dal 01/01/2014 a tutt' oggi percentule 1,0% minimo euro 200,00

Anche per l' imposta catastale valgono le stesse considerazioni fatte più sopra relativamente all' imposta ipotecaria, sia per quanto riguarda gli aumenti avvenuti ad inizio gennaio del 2014 e sia per quanto riguarda eventuali successioni degli anni passati che si dovessero presentare all' attualità.

Devi compilare una dichiarazione di successione? Scopri il mio nuovo servizio online "successione express 2018". Ricevi direttamente sul tuo computer, tutta la modulistica pronta da consegnare all' agenzia delle entrate e al catasto. Il servizio è offerto dal geometra Pino Caddeo. Attivo in tutta Italia! Fai clik qui sopra per conoscere i dettagli!!

L' IMPOSTA DI SUCCESSIONE

Ed eccoci arrivati anche all' imposta di successione. Come dicevo sopra non dobbiamo confondere le imposte in autoliquidazione (imposta ipotecaria e catastale), con l' imposta di successione. Le prime colpiscono solamente gli immobili, senza tener conto di eventuali passività, mentre la seconda va a colpire l' effettivo arrichimento dell' erede, per cui tiene conto delle passività e oltre a colpire gli immobili colpisce anche i beni mobili e liquidità.

Anche questa imposizione fiscale ha subito negli anni svariate modifiche, con addirittura la sua soppressione per un certo periodo che andava dal 25/10/2001 al 03/10/2006. L' imposta di successione fu reintrodotta dal decreto legislativo n° 262 del 2006 modificato e convertito dalla legge n° 286 del 2006.

la franchigia

L' imposta di successione si applica ai trasfermenti di beni e diritti per causa di morte. Quindi in sostanza ogni trasferimento di beni è soggetto all' imposta di successione, sia che si tratti di di una costituzione di erede che di un legato. In certi casi che vedremo più avanti, esistono delle franchigie a favore di determinati eredi che fanno si che questi eredi non paghino imposta o la paghino quando il caso, solo sul di più del valore della franchigia. La franchigia è prevista solamente per determinati eredi ed in particolare per:

- coniuge del defunto

- parenti in linea retta (figli, nipoti, genitori ecc)

- percentuale d' imposta per questa categoria di eredi: 4%

La franchigia prevista per questi eredi è di 1.000.000 di euro per ogni erede. Cosa significa questo? Significa semplicemente che un figlio, un nipote in linea retta ecc. pagherà imposta di successione solamente se nel complessivo erediterà un valore maggiore di 1.000.000 di euro. L' imposta sul di più del valore di 1.000.000 equivae alla percentuale del 4%. Da tenere ben presente che la franchigia di 1.000.000 di euro è prevista per ogni singolo erede, ossia il valore complessivo ereditato e diviso per il numero degli eredi deve essere maggiore di tale cifra.

Ci sono anche altre franchigie, previste per altre tipologie di eredi, (fratelli del de cuius, portatori di handicap grave) che vedremo nel seguito della pagina.

Facciamo un esempio: Il figlio del de cuius che eredita complessivamente 2.000.000 di euro quanto pagherà d' imposta di successione? Togliamo dai 2 milioni di euro la franchigia, ossia un milione di euro. Ne rimane un altro giusto? Sul milione si andrà a pagare un' imposta del 4%, ossia un' imposta di 40.000 euro.

Naturalmente l' esempio sopracitato è molto semplicistico perchè non abbiamo considerato eventuali passività, presunzione del 10% ecc. Abbiamo ipotizzato un arrichimento del soggetto per 1.000.000 di euro come se avessimo gia detratto eventuali passività e calcolato anche i 10% di presunzione.

Facciamo adesso un esempio più reale.

Supponiamo che il nostro erede (figlio) abbia ereditato i seguenti beni:

- immobili (terreni e fabbricati) valore 2.500.000 di euro

- Azioni valore 50.000 euro

- Conti correnti valore 100.000 euro

- Passività (mutuo, debiti ecc) valore: 250.000 euro

Che calcolo farà l' agenzia delle entrate per determinare l' imposta di successione? Semplicemente sommerà i vari attivi, quindi valori dei beni immobili, Azioni, e conti correnti e avremmo un totale di:

2.650.000 euro

Poi cosa farà? Dai 2.650.000 detrarrà le passività, che ovviamente non vanno ad arricchire l' erede....anzi! Per cui il calcolo sarà il seguente

2.650.000 - 250.000 = 2.400.000 euro ok?

A questo punto l' agenzia delle entrate defalca la franchigia avremmo:

2.400.000 - 1.000.000 = 1.4000.000 euro

Su 1.400.000 l' agenzia delle entrate applica la presunzione del 10%. La presunzione del 10% significa che l' agenzia ipotizza che nell' eredità siano compresi beni quali gioielli, beni mobili non espressamente dichiarati in successione. La presunzione del 10% si può evitare allegando alla dichiarazione di successione un inventario analitico che riporti tutti i beni ereditati. In mancanza dell' inventario sarà applicata la presunzione del 10%.

Quindi ricordiamoci che in mancanza dell' inventario avremmo questa cifra presunta del 10% calcolata su ciò che rimane dalla differenza tra attivo e passività. Nel nostro caso avremmo:

1.400.000 x 10% = 140.000

Quindi alla fine il nostro imponibile sul quale calcolare l' imposta di successione sarà dato 1.400.000 + il 10% di preunzione, ossia i 140.000 euro per cui avremmo:

1.400.000 + 140.000 = 1.540.000 euro

L' imposta del 4% in questo caso sarà dunque calcolata su 1.540.000 euro.

1.540.000 x 4% = 61.600 euro.

I 61.600 euro formeranno la vera imposta di successione.

Il ragionamento per l' impota di successione è sempre lo stesso anche per i fratelli o per i portatori di handikap, con la differenza che i primi potranno usufruire di una franchigia di sole 100.000 euro, mentre i secondi di 1.500.000 euro. Il ragionamento tuttavia per la determinazione dell' imposta non varia.

Franchigie inferiori

La franchigia di un milone di euro è prevista solamente per il coniuge e per i parenti in linea retta (figli, nipoti figli dei figli, genitori). C' è un' altra categoria che gode della franchigia e sono i fratelli del defunto. In questo caso però la franchigia ha un importo inferiore e precisamente arriva solo sino a 100.000 euro. Oltre questa soglia di valore ereditato si paga l' imposta di successione. C' è un' altra differenza per questa tipologia di eredi e cioè la percentuale d' imposta aumenta dal 4% al 6%.

Per tutti gli altri eventuali eredi non esistono franchigie. Per i trasferimenti mortis causa a favore di altri parenti sino al 4° grado, degli affini in linea retta e degli affini in linea collaterale si pagherà una percentuale del 6% su tutto ciò che si è ereditato. Per tutti gli altri soggetti al di fuori di quelli precedentemente elencati la percentuale aumenta all' 8%.

La franchigia oltre il milione di euro

Esiste infine un' ulteriore franchigia di 1.500.000 euro per le persone che ereditano e che siano portatori di handicap grave. Questa franchigia non tiene conto del grado di parentela dell' erede col de cuius.

Chi determina l' imposta di successione?

A differenza delle imposte in autoliquidazione di cui ho accennato più sopra, l' imposta di successione viene calcolata direttamente dall' agenzia delle entrate, in base ai dati riportati sulla dichiarazione di successione. Per cui una volta presentatata la successione l' agenzia delle entrate verificherà se via sia da calcolare l' imposta di successione e in caso positivo una volta effettuati i vari calcoli comunicherà gli importi da pagare in solido agli eredi.

L' imposta di successione a differenza delle imposte in autoliquidazione viste sopra, va a colpire l' effettivo arricchimento dell' erede, per cui considera anche le passività che il de cuius aveva in vita e che avremmo provveduto ad inserire nella dichiarazione. Un' altra differenza rispetto a imposte ipotecaria e catastale è quella che l' imposta di successione va a colpire anche eventuali liquidità e beni mobili posseduti dal de cuius, per cui considera conti correnti, libretti di risparmio, titoli (sono esenti titoli del debito pubblico, buoni fruttiferi postali), gioielli ecc. Una volta calcolato il valore lordo vi detrae le passività (debiti certificati, mutui, spese funerarie ecc).

L' agenzia delle entrate alla cifra ottenuta facendo la differenza tra valore globale meno passività, generalmente vi aggiunge un 10% di valore presunto che potrebbe essere costituito da mobilia, gioielli ecc. Al valore cosi ottenuto applica la percentuale d' imposta di successione, che come abiamo visto più sopra può variare a seconda dei casi dal 4% all' 8%. E' possibile chiedere all' agenzia che non sia applicato il 10% di presunzione del valore, ma in questo caso sarà richiesto un inventario analitico.

Sei alle prese con la pratica di successione? Mi permetto di suggerirti il servizio "successione express". Il servizio prevede la compilazione di tutta la modulistica sia per successione che per la voltura catastale. Tu dovrai semplicemente consegnare agli uffici. Costo 150 euro + iva. E' un servizio offerto dal geometra Pino Caddeo. Per info Clik qui sopra

Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore, ossia fare click sul pulsante +1 di google che vedi più sotto. Inoltre se lo ritieni opportuno puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook....grazie!

E' nata la sezione video tutorial. Ora potete vedere i video che vi spiegano con esempi concreti come si compila la dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video fai clik su: sezione video tutorial

Per continuare invece, nella lettura della pagina seguente, fai clik su uno dei link che vedi sotto.

torna indietro - continua

 

newsAggiungi un tuo commento...grazie!

Vuoi dire anche tu la tua? Vuoi lasciarci un commento su questa pagina? Ora puoi farlo. Lascia il tuo commento più sotto...grazie!

Ultimo aggiornamento: Sabato Marzo 17, 2018 16:26

 
Aggiungici fra i tuoi amici

In Diretta con noi
Hai un dubbio? vuoi info gratuite sul servizio visure, successione o volture catastali? contattaci direttamente attraverso la live chat. Il servizio è gratuito! FAI CLICK SULL' IMMAGINE CHE VEDI SOTTO!

News letter
Essere aggiornati oggi è fondamentale! Se sei interessato ad uno o tutti gli argomenti sotto elencati iscriviti alla nostra news letter, selezionando gli argomenti di tuo interesse...grazie!

Email: *
Cognome: *
Nome: *
Scegli:


Video Tutorial
Vedere è sempre meglio del solo leggere, cosi come la pratica è 100 volte meglio della sola teoria. E' nata la sezione dei video tutorial che vi fa vedere in sostanza come compilare una dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video tutorial fate clik su uno dei seguenti link....

ACCEDI ALL' AREA VIDEO TUTORIALS

video-tutorial-successione

video tuttorial sulla compilazione di una dichiarazione di successione

come si compila una successione

guida sulla compilazione della dichiarazione di successione

guida alla successione col foglio elettronico

Modello telematico
dichiarazione successione telematica
modello telematico: dati generali
modello telematico: quadro EA

Approfondimenti

caratteristiche casa non di lusso
autocertificazione obbligatoria dal 2012
quanto costa la successione
certificato di successione europeo
diritto d' abitazione per il coniuge
niente successione sotto i 100.000 euro
aumento imposta ipotecaria e catastale
risparmiare dichiarazione successione

Aumenterà l' imposta di successione?
Atto notorio per successione

Risposte brevi

chi può fare la voltura catastale?

News

rettificare la successione si può

le domande dei lettori

tassa ipotecaria e imposta di bollo
moltiplicatori catastali e area edificabile
passività dichiarazione successione

Siti utili

la gazzetta europea
successioni in europa
fisco oggi

pinoTutti i servizi che trovi sul sito www.visurnet.com sono offerti dal geometra Pino Caddeo. Il servizio dedicato alle dichiarazioni di successione e volture catastali fa parte di questi servizi.

guida alla successione

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2018 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/86128 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet