geometra sardegna
geometra Pino Caddeo
Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

energie rinnovabili
visure catastali online

SERVIZI UTILI PER IL CITTADINO
L' AGEVOLAZIONE DEL 36%
NOTIZIE UTILI SULL' AGEVOLAZIONE

CONTATTA VISURNET.COM
via Kennedy, 1 - 08016 Borore (NU)
a breve apertura dello studio a Olbia (OT)
per contatti: 0785/86128 - 339/3600206 - email

I lavori che rientrano nella detrazione del 36% principalmente sono quelli individuati dal dpr 6 giugno 2001 n° 380 (testo unico edilizia) e precedentementi elencati dall' art. 31 lettere a, b, c, d della legge 5 agosto 1978 n° 457. Nello specifico la detrazione irpef riguarda le spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi all' agevolazione irpef solo se riguardano determinate parti comuni di edifici residenziali.

SEZIONE: UTILITY - ARGOMENTO: EDILIZIA-AGEVOLAZIONI - PAGINA: I LAVORI CHE USUFRUISCONO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI - LA DETRAZIONE DEL 36%

HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Link interessanti

il catasto?..roba da geometri
guadagna affittando il tetto
notizie interessanti
grazie di cuore!!
ti servono le visure catastali?
fabbricati mai dichiarati
sanzioni per le case fantasma (new)
diario di bordo

Servizi attivi
Guida agevolazioni

premessa
cos' è la prima casa
cittadino emigrato
requisiti soggettivi
requisiti oggettivi
alcune novità
decadenza agevolazioni
in caso di successione
in caso di donazione
pertinenze
riacquisto prima casa
atto integrativo
caratteristiche abitazioni di lusso


Detrazione 36%

presentazione
cosa detrarre col 36%
schema lavori detraibili col 36%
chi usufruisce del 36%
come procedere
adempimenti
parti in comune
pertinenze
domande e risposte sul 36%
iva al 10%
novità detrazione 36% (2006)
modulistica 36%
normativa 36%
novità detrazione 36% (2011)

interventi agevolabili col 36%
manutenzione ordinaria
manutenzione straordinaria

Bonus Arredi 2015

come usufruire del bonus arredi

Smaltimento amianto

contributi per smaltire l' amianto



- Visurnet.com è lieta di informarti che è attivo il nuovo forum dove potrai discutere con gli altri membri (chiedere e avere consigli) su alcune problematiche legate alla detrazione del 36% (ex 41%). Se vuoi porre una tua domanda

AVVERTENZE: gli argomenti trattati andranno approfonditi dagli interessati richiedendo informazioni, presso uffici ed enti competenti. Gli argomenti trattati dovranno essere considerati esclusivamente come prime informazioni. Le informazioni sottoriportate non potranno essere prese come valide per intraprendere qualsiasi genere di azione.

COSA SI PUO' DETRARRE CON L' AGEVOLAZIONE DEL 36%

Di Pino Caddeo (geometra libero professionista si occupa di progettazione, pratiche del 36% e 65%, assitenza negli adempimenti fiscali per ottenere le agevolazioni)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I lavori che rientrano nella detrazione del 36% principalmente sono quelli individuati dal dpr 6 giugno 2001 n° 380 (testo unico edilizia) e precedentementi elencati dall' art. 31 lettere a, b, c, d della legge 5 agosto 1978 n° 457.

Nello specifico la detrazione irpef riguarda le spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi all' agevolazione irpef solo se riguardano determinate parti comuni di edifici residenziali.

Rientrano nell' agevolazione del 36% le seguenti categorie di lavori:

- Lavori di manutenzione straordinaria;
- Lavori di manutenzione ordinaria;
- Opere di restauro e risanamento conservativo
- Lavori di ristrutturazione edilizia

Vediamo cosa si intende per ognuna delle categorie su citate.

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Per manutenzione straordinaria si intende interventi di carattere innovativo, di natura edilizia e impiantistica con lo scopo di mantenere in eficienza l'edificio. La manutenzione straordinaria non prevede l'ampliamento dell'edificio, sia per quanto riguarda la superficie coperta e sia per quanto riguarda il volume ne la variazione di setinazione d'uso.

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Per manutenzione ordinaria si intendono piccoli interventi urgenti di riparazione, adeguamento funzionale e/o rifacimento che interessano l’edificio e l’impiantistica (es.: tinteggiatura dei locali e degli infissi, modifiche all’impianto elettrico, riparazione caldaia, sostituzione di coppi, abbattimento di una tramezza, ecc.).

LAVORI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Per restauro e risanamento conservativo si intende un insieme di interventi mirati a: ripristinare e consolidare gli elementi che costituiscon l'edificio. La norma prevede due gruppi di interventi simili ma diversi per quanto riguarda le caratteristiche degli edifici sui quali tali interventi sono realizzati. Gli interventi di restauro equivalgono alla restituzione di un organismo edilizio di un certo valore architettonico, storico-artistico.

Il risanamento conservativo è un complesso di interventi mirati ad adeguare ad una migliore esigenza d'uso attuale un edificio esistente sotto l'aspetto tipologico, formale, strutturale e funzionale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

In ultimo per quanto riguarda la ristrutturazione edilizia, la stessa è caratterizzata da due aspetti fondamentali; il primo è determinato dalla sistematicità delle opere edilizie ed il secondo riguarda la finalità della trasformazione che può modificare completamente l'edificio esistente.

A seconda della trasformazione effettuata sull'edificio, sarà necessario richiedere la concessione edilizia ed il pagamento degli oneri concessori. Attraverso la ristrutturazione edilizia sarà possibile incrementare la superficie dell'edificio ma non il suo volume.

Possono essere detratte tutte quelle spese, comprensive di IVA, effettivamente sostenute e documentate per appalti, acquisto di beni finiti, materie prime e semilavorati relative agli interventi di recupero effettuati sugli immobili residenziali.

Gli interventi oggetto dell'agevolazione devono ovviamente rispettare la normativa relativamente alle norme edilizie ed urbanistiche che ne disciplinano la realizzabilità.

Vengono comprese nell'agevolazione gli oneri per le spese di progettazione, altre prestazioni professionali, perizie e sopralluoghi, oneri di urbanizzazione ed altre eventuali spesei per l'esecuzione delle opere edilizie oggetto degli interventi previsti e per la messa a norma degli impianti elettrici (legge n. 46/90) e a metano (ai sensi delle norme UNI CIG, legge, 1083/71) degli edifici.

Anche le spese per la redazione della documentazione atta comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, e per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione sono deducibili, in base all'art. 6 l. 488/99.

Non rientrano nell'agevolazione gli interessi passivi pagati per i mutui stipulati per sostenere le spese di recupero edilizio.

Gli interventi che interessino le parti comuni condominiali che godono delle agevolazioni riguardano:

La Manutenzione Ordinaria (in alcuni casi),

La Manutenzione Straordinaria,

La Ristrutturazione Edilizia

I beneficiari sono i singoli Condomini.

Oltre alle opere previste per la singola unità immobiliare e per le parti comuni condominiali la Legge prevede le stesse agevolazioni anche per altri ambiti specifici:

- Eliminazione delle barriere architettoniche
- Cablatura degli edifici (antenne collettive, reti via cavo, etc.),
- Contenimento dell'inquinamento acustico,
- Conseguimento di risparmi energetici,
- Misure antisismiche
- Parcelle dei progettisti
- Messa a norma degli impianti elettrici (l. 46/90),
- Messa a norma degli impianti a metano (l. 1083/71),
- Realizzazione o acquisto di box o posti auto di pertinenza degli alloggi

Per dare qualche indicazione in più si propone un elenco di opere che rientrano nella detrazione del 36%. Fai clik su uno dei link sottostanti.

INTERVENTI DETRAIBILI SU SINGOLE UNITA' ABITATIVE

INTERVENTI DETRAIBILI SU PARTI CONDOMINIALI

LA DETRAZIONE IRPEF PER GLI ACQUIRENTI E GLI ASSEGNATARI DI IMMOBILI RISTRUTTURATI

È stata reintrodotta dal periodo d'imposta 2008 e successivamente prorogata la detrazione Irpef del 36% relativa agli interventi di ristrutturazione, riguardanti interi fabbricati, eseguiti dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2012 da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile entro il 30 giugno 2013. In questo caso, l'acquirente o l'assegnatario ha diritto alla detrazione Irpef del 36% calcolata, indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, sull'ammontare forfetario pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell'abitazione, risultante dall'atto di acquisto o di assegnazione.

ESEMPIO

costo di acquisto dell' abitazione euro 180.000

costo forfettario di ristrutturazione (25% di 180.000) = 45.000

detrazione (pari al 36% di 45.000= 16.200 euro

la spesa su cui calcolare la detrazione non può comunque superare l' importo massimo di 48.000 e deve essere sempre ripartita in 10, 5 o 3 rate a seconda dei casi di cui parlvamo nell' altra pagina sempre dedicata alla detrazione del 36%.

La detrazione e quindi l' agevolazione del 36% si può applicare alle seguenti condizioni:

- l' acquisto o l' assegnazione dell' unità abitativa deve avvenire entro il 30 giugno 2013.

- L' unità immobiliare acquistata o assegnata deve fare parte di un fabbricato che sia stato ristrutturato in toto e non per una parte.

- I lavori devono essere eseguiti dal 1 gennaio 2008 al 31 dicembre 2012

GLI IMMOBILI CHE GODONO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI

Per avere possibilità di accedere alle agevolazioni fiscali, il fabbricato oggetto di intervento deve essere ubicato nel territorio italiano, anche se i lavori possono essere eseguiti anche da imprese non residenti in Italia. La destinazione dell' immobile deve essere esclusivamente quella abitativa. Questo perchè lo spirito della legge è quello di aiutare fondamentalmente il cittadino privato, a differenza invece dell' altra detrazione che conosciamo bene e cioè quella del 65%, che permette di detrarre le imposte anche per lavori eseguiti su fabbricati non abitativi.

E' consentita la detrazione fiscale anche per lavori eseguiti su fabbricati che non abbiano prettamente destinazione abitativa, a condizione comunque che si tratti di immobili pertinenziali, quali cantine, autorimesse e comunque considerati come accessori dell' abitazione principale.

Gli immobili devono, inoltre essere censiti al catasto edilizio urbano e devono risultare in regola con la vigente normativa edilizia, anche a seguito di accertamenti di conformità o condoni edilizi. Vi ricordo a tal proposito che il d.p.r. 380/2001 esclude ogni tipo di agevolazione fiscale per quei fabbricati che presentino abusi edilizi oltre il 2% delle misure prescritte (altezze, distanze, cubature e superfici).

Gli immobili, inoltre devono essere in regola con i pagamenti di ICI o IMU se dovute naturalmente.

Ai fini del calcolo della detrazione, ogni unità immobiliare oggetto di intervento edilizio, può arrivare sino a 96.000 euro di detrazione. Nell' unità immobiliare si devono considerare anche le pertinenze.

Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore, ossia fare click sul pulsante +1 di google che vedi più sotto. Inoltre se lo ritieni opportuno puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook....grazie!

torna indietro - continua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

newsAggiungi un tuo commento...grazie!

Vuoi dire anche tu la tua? Vuoi lasciarci un commento su questa pagina? Ora puoi farlo. Lascia il tuo commento più sotto...grazie!

non fermarti solo su queste pagine: esplora il web!

 

Ultimo aggiornamento: Sabato Marzo 17, 2018 9:58


 
Aggiungici fra i tuoi amici

In Diretta con noi
Hai un dubbio? vuoi info gratuite sul servizio visure, successione o volture catastali? contattaci direttamente attraverso la live chat. Il servizio è gratuito! FAI CLICK SULL' IMMAGINE CHE VEDI SOTTO!

News letter
Essere aggiornati oggi è fondamentale! Se sei interessato ad uno o tutti gli argomenti sotto elencati iscriviti alla nostra news letter, selezionando gli argomenti di tuo interesse...grazie!

Email: *
Cognome: *
Nome: *
Scegli:

Forum online
Entra nel nostro nuovo forum se vuoi postare una domanda o partecipare alle discussioni

Approfondimenti

parcheggio pertinenziale

Circolari 36%

circ. n° 20E del 13/05/2011 A.E
circ. n° 6 del 2006 agenzia entrate
circ. n° 24E del 10/06/2004 A.E.

circ. min. fin. 57E del 24/02/1998
circ. min. 121/E del 11/05/1998

risoluzione ag. entrate n° 184

Normativa

d.p.r. 917 del 1986

Siti web

www.lineaamica.gov.it

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2018 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/86128 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet