geometra sardegna
Quali sono le PassivitÓ da inserire in successione: Spese mediche, mutui, cambiali, spese funerarie ecc...
Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

energie rinnovabili
servizi online successione
Anche i debiti e le passività rivestono un ruolo importante nella dichiarazione di successione. Soprattutto quando si prevede il pagamento dell' imposta di successione. In questo caso i debiti possono fare la differenza e contribuire ad abbattere l' imposta

SUCCESSIONE EXPRESS!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale
scopri il servizio!

SUCCESSIONE IN TEMPO REALE!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale in tempo reale
scopri il nuovo servizio per il 2018!

I DEBITI E LE PASSIVITA' DEL DE CUIUS

HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Link interessanti

il catasto?..roba da geometri
guadagna affittando il tetto
notizie interessanti
grazie di cuore!!
ti servono le visure catastali?
fabbricati mai dichiarati
sanzioni per le case fantasma (new)
diario di bordo

Servizi attivi
Servizi successione

compilazione modulistica
compilazione voltura catasto
richiedi le visure catastali

affidamento incarico successione

Guida eredità

presentazione
disciplina delle successioni
accettazione eredità parte 1
accettazione eredità parte 2
la rappresentazione e accrescimento
banca e assicurazione
cosa fare per ereditare un veicolo
imposte e agevolazioni
imposta di successione e franchigia
imposte ipotecaria e catastale
modulistica per successione
agevolazione prima casa
debiti e passività del de cuius
uffici competenti
allegati alla successione
tipi di dichiarazione
moltiplicatori catastali
codici uffici agenzia entrate
codici tributi per successione

i diritti dei figli
i diritti degli ascendenti
i diritti dei fratelli
i diritti del coniuge parte 1
i diritti del coniuge parte 2

quote eredità spettanti per legge

L' attivo ereditario

Il testamento

il testamento
cos' è il testamento
testamento olografo
testamento pubblico
testamento segreto
se muore il testatore
cosa si può disporre
chi può fare testamento
chi può ricevere col testamento
riserva a favore del coniuge
riserva a favore dei figli
cos' è il legato
successione: obbligo del notaio?

Esempi pratici

Come compilare la modulistica per successione. Esempio pratico: dal modello 4 al modello f24

1) prima di iniziare

prima di iniziare

2) calcolare l' asse ereditario

come calcolare l' asse ereditario

3) modello 4 (esempio)

compilare il modello 4
compilare il frontespizio modello 4
compilare albero genealogico
compilare quadro A (eredi)
compilare quadro B (attivo)
compilare quadro B2 (titoli, azioni)
compilare quadro B3 (aziende)
compilare quadro B4 (altri beni)
compilare quadro B5 (beni venduti)
compilare quadro C (donazioni)
compilare quadro D (passività)
parte riservata all' ufficio

4) calcolo delle imposte

calcolo delle imposte successione
compilare modello f24 successione
compilare modello f23 successione
prospetto liquidazione

5) allegati al modello 4

cosa allegare al modello 4
dichiarazione sost. cert. morte
stato di famiglia de cuius
stato di famiglia eredi
visure catastali
dichiarazione sostitutiva atto notorio
modello f23
prospetto di liquidazione
richiesta agevolazione prima casa
certificato destinazione urbanistica
copia testamento pubblicato


presentare la successione

Voltura catastale

dopo aver registrato la dichiarazione di successione è necessario aggiornare la ditta in catasto. vediamo con degli esempi pratici come si fà

esempio 1: voltura cartacea

presentare la voltura catastale
voltura catasto terreni parte 1
voltura catasto terreni parte 2
voltura catasto terreni parte 3


esempio 2: software voltura

installare il software voltura 1.0
installare il software voltura 1.1

voltura 1.1 parte 1
voltura 1.1 parte 2
voltura 1.1 parte 3
voltura 1.1 parte 4

Successione tardiva

presentazione tardiva successione

MINI GUIDE

Esiste una mini guida per ogni dichiarazione di successione. Come compilare la dichiarazione di successione attraverso gli esempi.

Presentazione

Fisconline

Come registrarsi a fisconline

 

I DEBITI E LE PASSIVITA' DEL DE CUIUS

Di Pino Caddeo (geometra libero professionista si occupa di pratiche di successione ereditaria e volture catastali in tutta Italia) Per maggiori info vedi: servizio successioni eredi.

successione express 2018

Posso aiutarti nel disbrigo dela pratica di successione e voltura catastale. In questo modo tutto diventa più semplice!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando si va a compilare una dichiarazione di successione è bene tener presente eventuali debiti e passività che il de cuius aveva in vita. Perchè queste voci che sono delle passività sono importanti e qual' è il loro compito una volta che si inseriscono in una dichiarazione di successione? I debiti inseriti nel modello 4 della successione contribuiscono all' abbattimento di una eventuale imposta di successione.

L' imposta di successione si calcola sull' effettivo valore che va ad arricchire gli eredi. L' imposta di successione tiene conto dunque di tutti i valori che poi costituiscono il patrimonio netto che gli eredi ereditano, in parole povere ciò che rimane in tasca

I debiti ovviamente sono delle passività per gli eredi per cui nel calcolo dell' imposta che poi l' agenzia delle entrate andrà a fare, bisognerà tenerne conto. Ad esempio se gli eredi dichiarano in successione un patrimonio lordo (costituito da immobili, mobilia, liquidità ecc) di 100.000 euro e nel quadro D del modello 4 (passività) vanno ad inserire un debito di 50.000 euro cosa succederà ai fini del calcolo dell' imposta? Semplice che l' agenzia delle entrate farà la differenza tra i 100.000 euro di patrimonio e i 50.000 euro di passività ottenendo una cifra di 50.000 euro. A questo punto l' imposta sarà calcolata solo sui 50.000 euro.

Quanto detto sopra l' ho scritto semplicemente per farvi capire come si calcola l' imposta di successione e il metodo di calcolo che adotta l' agenzia delle entrate. poi c' è da dire che non sempre l' imposta di successione è dovuta e generalmente va a colpire i grandi patrimoni soprattutto quando ad ereditare sono eredi molto vicini al de cuius (figli e coniuge in primis), fratelli o genitori. Per questi eredi infatti esistono delle franchigie ossia cifre soglia sotto le quali non si pagano imposte.

Non mi dilungo qui a parlare di imposta di successione, come si calcola e quali sono gli eredi favoriti, in quanto ne abbiamo gia parlato in svariate pagine. Più sotto vi lascio i riferimenti delle pagine nel cas vogliate approfondire l' argomento "imposta di successione"

imposte e agevolazioni
imposta di successione e franchigia
imposte ipotecaria e catastale

Fatto questo breve escursus sull' imposta di successione andiamo ad analizzare meglio le varie passività e debiti che possiamo inserire nella successione e più precisamente nel quadro D del modello 4. Prima di passare ad analizzare nel dettaglio le varie passività che possiamo inserire nella successione facciamo un breve riepilogo di alcune passività e debiti che possiamo inserire nel nostro quadro D del modello 4.

Le passività deducibili sono e seguenti:

- spese mediche

- mutui

- cambiali

- spese funerarie (fino a 2.000.000 di vecchie lire)

- debiti inerenti l' attività d' impresa

- debiti verso istituti di credito

- debiti derivanti dal rapporto di lavoro subordinato

- debiti verso lo stato o la pubblica amministrazione

- somme dovute al coniuge divorziato

Di seguito andiamo ad analizzare più nel dettaglio i vari debiti che possiamo inserire nella denuncia di successione.

1) Debiti inerenti l' attività di impresa (art. 21 del comma 2 del decreto legislativo n° 346 del 31 ottobre 1990)

Per questa tipologia di debiti il valore da inserire nel quadro D delle passività è quello risultante dalle scritture contabili, regolarmente tenute dal defunto. Come documentazione è necessario l' estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie del defunto (art. 23 del decreto legislativo n° 346 del 31 ottobre 1990)

2) Debiti cambiari e debiti verso aziende o istituti di credito compresi i saldi di c/c passivi (art. 21 comma 3 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Il valore da inserire in successione dovrà risultare dalle scritture contabili degli enti stessi in data anteriore all' apertura della successione, nel caso che il de cuius non avesse l' obbigo dei registri contabili. Se invece il de cuius aveva l' obbligo delle scritture cotabili il valore sarà determinato e ricavabile proprio da tali scritture.

La documentazione necessaria sarà:

Per le cambiali estratto notarile delle scritture contabili obbligatorie del prenditore o trattario (art. 23 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990), o copia autentica della cambiale/pagherò con contestuale dichiarazione del creditore con firma autentica.

Certificato che attesti l’esistenza totale o parziale del debito e la specificazione di tutti gli altri rapporti debitori o creditori esistenti alla data di apertura della successione.

Saldo c/c : certificato rilasciato dalla banca che contenga i movimenti degli ultimi dodici mesi antecedenti il decesso o, in caso di saldo passivo, dalla data dell’ultimo saldo attivo.

3) Debiti derivanti da rapporto di lavoro subordinato (art. 21 comma 4 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

In questo caso, il valore della passività (compreso quello relativo al TFR ed ai trattamenti previdenziali integrativi) maturato alla data di apertura della successione, anche se il rapporto continua con gli eredi o legatari. Sarà necessaria come documentazione l' attestazione rilasciata dall' ispettorato del lavoro.

4) Debiti verso lo Stato e la Pubblica Amministrazione (art. 21 comma 5 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Il valore da inserire nel quadro D del modello 4 per successione sarà quello esistente alla data di apertura della successione. Si possono dedurre anche debiti accertati successivamente alla morte qualora però il loro presupposto fosse anteriore alla data di morte.

La documentazione da allegare alla dichiarazione di successione sarà un' attestazione rilasciata dall' amministrazione creditrice, o copia autentica della quietanza di pagamento avvenuto dopo la morte.

5) Somme dovute al coniuge divorziato (art. 21 comma 6 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Il valore del debito da inserire in successione sarà dato dalla sommatoria degli importi che il de cuius avrebbe dovuto dare all' altro coniuge considerata anche gli importi successivi alla data di morte.

E' necessario allegare come documentazione la sentenza del tribunale di scioglimento del matrimonio o cessazione degli effetti civili.

6) Mutui (art. 23 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Il valore del debito da inserire in successione sarà dato dal debito residuo alla data del decesso. Affinchè si possano portare in detrazione i mutui è necessario che questi si riferiscano a beni caduti in successione.

La documentazione da allegare in questo caso sarà la quiteanza dell' ultima rata pagata, dalla quale si possa evincere il debio ancora residuo. Ancora ci servirà copia conforme dell' atto di mutuo con allegata una dichiarazione della banca dove si attesti il debito residuo.

7) Spese mediche (art. 24 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Il valore del debito da inserire in successione nel quadro D del modello 4 per successione sarà dato dalle spese chirurgiche, mediche, comprese quelle per ricoveri, medicinali ed eventuali. Il tutto dovrà fare riferimento agli ultimi sei mesi di vita del de cuius.

La documentazione da allegare saranno fatture e quietanze delle varie spese.

8) Spese Funerarie (art. 24 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990)

Anche le spese funerarie possono essere portate in detrazione ma solo per un importo massimo di euro 1.032,91 ossia corrispondenti ai vecchi due milioni di lire. L' eventuale cifra in più non potrà dunque contribuire all' abbattimento dell' imponibile.

Anche in questo caso alla successione si dovranno allegare regolari fatture.

Bene....abbiamo visto dunque alcune delle passività che si possono indicare nel quadro D del modello 4 per successione.

Concludo il discorso debiti dicendo che non si può mai portare in detrazione i debiti contratti per l' acquisto di beni o diritti che non siano compresi nell' attivo ereditario. Nel caso di beni solo parzialmente inclusi, anche la deducibilità sarà parziale (art. 22 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990).

L'esistenza del debito può essere dimostrata:

- entro tre anni dalla data di morte, mentre per debiti verso pubbliche amministrazioni che risultino da provvedimenti giurisdizionali fino a sei mesi dalla data in cui tale provvedimento è divenuto definitivo. (art. 23 comma 4 del Decreto legislativo n° 346 del 31 ottobre 1990)

- L' esistenza del debito può essere dimostrata anche dal modello 237 (scaricabile dal sito dell' agenzia delle entrate) debitamente firmato da uno dei soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione di successione e dai creditori (art. 23 del D. Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990). Sono esclusi da questa forma i debiti verso i dipendenti.

Devi compilare una dichiarazione di successione? Scopri il mio nuovo servizio online "successione express 2018". Ricevi direttamente sul tuo computer, tutta la modulistica pronta da consegnare all' agenzia delle entrate e al catasto. Il servizio è offerto dal geometra Pino Caddeo. Attivo in tutta Italia! Fai clik qui sopra per conoscere i dettagli!!

ESEMPIO PRATCO DI DEBITI IN SUCCESSIONE

Per capire meglio quello che abbiamo letto vi farò un esempio della presenza di debiti nella successione. Per semplicità escludiamo gli eredi che godono delle franchigie, ossia i figli, coniuge, tutti i parenti in linea retta e portatori di handicap grave.

Supponiamo ad esempio che ad ereditare sia un nipote in linea collaterale, ossia il figlio di un fratello del de cuius. Questa tipologia di erede non gode di nessuna franchigia, per cui sul totale del valore ereditato si pagherà interamente l' imposta di successione al 6%, oltre naturalmente alle imposte in autoliquidazione che non prendiamo in esame in questo esempio.

Supponiamo che il nipote erediti il seguente patrimonio

attivo inserito in successione

- abitazione del valore di 200.000 euro

- liquidità per 100.000 euro

totale attivo 300.000 euro

debiti e passività da poter inserire in successione

- mutuo residuo di 50.000 euro

- spese mediche negli ultimi sei mesi di vita per 2.000 euro

- spese funerarie per 3.500 euro

totale passività 55.500 euro

Come procederà l' agenzia delle entrate e come influiranno i debiti e le passività in questo caso?

Innanzitutto l' agenzia calcolerà l' attivo ereditario al lordo delle passività e abbiamo visto più sopra che il valore totale era di 300.000 euro, dopo di che da tale valore decurterà le varie passività. Nel nostro esempio abbiamo una cifra totale di passività che arriva a 55.500 euro. Le spese funerarie però vengono, come ho scritto più sopra, conteggiate fino ad un importo massimo massimo di 1.032,91 euro, per cui il totale delle passività non sarà 55.500 euro ma 53.032,91 euro.

Detraendo dall' attivo le passività avremmo una cifra di euro 246.967,09. Questo dunque dovrebbe essere l' imponibile sul quale poi calcolare l' imposta di successione al 6%. In realtà l' agenzia delle entrate farà un ulteriore calcolo. Ossia aggiungerà un ulteriore 10% alla cifra ottenuta. Si tratta di un 10% per presunzione di ulteriore valore non dichiarato. In sostanza l' agenzia presume che alcuni valori non siano stati dichiarati quali mobilia, gioielli ecc per cui applica questo 10% in più. Non sempre tuttavia l' agenzia fa questo calcolo. Vedremo anche questa ipotesi in un' altra pagina dedicata alla presunzione.

Tornando a noi dunque andiamo a calcolare il 10% su 246.967,09 e avremo una cifra di 24.696,71. Sommiamo questa cifra alla prima e avremmo ora l' imponibile netto ossia 271.663,80 euro. Dunque questo sarà il valore sul quale poi l' agenzia delle entrate calcolerà l' imposta di successione (in questo caso al 6%). Se non avessimo inserito le passività vuoi per dimenticanza o vuoi per quasiasi altro motivo avremmo pagato un' imposta maggiore che nel nostro caso sarebbe di circa 3.000 euro in più

In questa pagina abbiamo visto come vanno ad incidere i debiti e le passività, quando si va a pagare le imposte di successione. Grazie per aver seguito....

Sei alle prese con la pratica di successione? Mi permetto di suggerirti il servizio "successione express". Il servizio prevede la compilazione di tutta la modulistica sia per successione che per la voltura catastale. Tu dovrai semplicemente consegnare agli uffici. Costo 150 euro + iva. E' un servizio offerto dal geometra Pino Caddeo. Per info Clik qui sopra

Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore, ossia fare click sul pulsante +1 di google che vedi più sotto. Inoltre se lo ritieni opportuno puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook....grazie!

E' nata la sezione video tutorial. Ora potete vedere i video che vi spiegano con esempi concreti come si compila la dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video fai clik su: sezione video tutorial

Per continuare invece, nella lettura della pagina seguente, fai clik su uno dei link che vedi sotto.

torna indietro - continua

 

newsAggiungi un tuo commento...grazie!

Vuoi dire anche tu la tua? Vuoi lasciarci un commento su questa pagina? Ora puoi farlo. Lascia il tuo commento più sotto...grazie!

 

Ultimo aggiornamento: Sabato Marzo 17, 2018 16:26

Aggiungici fra i tuoi amici

In Diretta con noi
Hai un dubbio? vuoi info gratuite sul servizio visure, successione o volture catastali? contattaci direttamente attraverso la live chat. Il servizio è gratuito! FAI CLICK SULL' IMMAGINE CHE VEDI SOTTO!

News letter
Essere aggiornati oggi è fondamentale! Se sei interessato ad uno o tutti gli argomenti sotto elencati iscriviti alla nostra news letter, selezionando gli argomenti di tuo interesse...grazie!

Email: *
Cognome: *
Nome: *
Scegli:


Video Tutorial
Vedere è sempre meglio del solo leggere, cosi come la pratica è 100 volte meglio della sola teoria. E' nata la sezione dei video tutorial che vi fa vedere in sostanza come compilare una dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video tutorial fate clik su uno dei seguenti link....

ACCEDI ALL' AREA VIDEO TUTORIALS

video-tutorial-successione

video tuttorial sulla compilazione di una dichiarazione di successione

come si compila una successione

guida sulla compilazione della dichiarazione di successione

guida alla successione col foglio elettronico

Modello telematico
dichiarazione successione telematica
modello telematico: dati generali
modello telematico: quadro EA

Approfondimenti

caratteristiche casa non di lusso
autocertificazione obbligatoria dal 2012
quanto costa la successione
certificato di successione europeo
diritto d' abitazione per il coniuge
niente successione sotto i 100.000 euro
aumento imposta ipotecaria e catastale
risparmiare dichiarazione successione

Aumenterà l' imposta di successione?
Atto notorio per successione

Risposte brevi

chi può fare la voltura catastale?

News

rettificare la successione si può

le domande dei lettori

tassa ipotecaria e imposta di bollo
moltiplicatori catastali e area edificabile
passività dichiarazione successione

Siti utili

la gazzetta europea
successioni in europa
fisco oggi

pinoTutti i servizi che trovi sul sito www.visurnet.com sono offerti dal geometra Pino Caddeo. Il servizio dedicato alle dichiarazioni di successione e volture catastali fa parte di questi servizi.

guida alla successione

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2018 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/86128 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet